giovedì 20 aprile 2017

L.M. MONTGOMERY, Il sentiero alpino. La storia della mia carriera, flower-ed 2017


GENERE: autobiografia

trama da IBS:


Nel 1917 Lucy Maud Montgomery era una scrittrice di successo: aveva pubblicato "Anne of Green Gables", il suo primo romanzo, da circa dieci anni e nel frattempo aveva scritto molti altri libri, tra i quali "The Story Girl", il suo preferito. In quell'anno l'editore della rivista Everywoman's World le chiese di scrivere la storia del suo percorso letterario e il risultato fu la pubblicazione in sei puntate di questa autobiografia. "Il sentiero alpino. La storia della mia carriera" è la più completa fonte di informazione per quanto riguarda l'infanzia e i primi cimenti di questa grande e amata scrittrice canadese. Oltre a descrivere il proprio apprendistato letterario, dalle prime storie fantasticate fino alla pubblicazione dei libri, Lucy Maud Montgomery racconta le proprie vicende personali e familiari, dall'infanzia nell'Isola del Principe Edoardo al meraviglioso viaggio di nozze in Gran Bretagna. Il sentiero alpino percorso dalla scrittrice è stato duro, faticoso e costellato di rifiuti da parte degli editori, eppure ella non ha mai smesso di credere nel proprio talento. Ha scritto queste pagine «per infondere coraggio in quanti stanno faticando lungo l'estenuante sentiero che anch'io ho percorso per raggiungere il successo». Questa rappresenta la prima traduzione in lingua italiana dell'opera.


Tornare indietro... negli anni, nei ricordi, nelle malinconia non triste ma gioiosa di un ritorno alle origini, il racconto di un percorso di vita, di chi si stupì di avere una carriera da raccontare... questa meravigliosa autobiografia della mamma di Anna dai capelli rossi ha tutto il diritto di entrare nelle nostre case come una dolce ospite che si insinua nei nostri cuori, insegnandoci a guardare indietro con amore, a guardare al presente con gioia, al futuro con speranza. La scrittura di Lucy è semplice e delicata, come la sua foto in copertina e quello sguardo di tenerezza dritto agli occhi del lettore, quasi a dirgli: eccomi, cosa ti aspettavi? Io sono una semplice ragazza che ha saputo sognare e realizzare il suo desiderio, segnando intere generazioni moderne, col romanticismo dei suoi romanzi, con l'ingenuità di un cartone animato... La traduzione ha colto in pieno tutti i buoni sentimenti di Lucy, consegnandoci un racconto che ha il sapore di un romanzo. L'emozione è passata dalla penna di Lucy a quella di Riccardo Mainetti, fino a noi... ora per sempre.


voto: 9

1 commento:

  1. Non so proprio come ringraziarti per il magnifico commento. Sono davvero commosso!
    Grazie infinite! :)

    RispondiElimina